Ricevi il -20% di sconto iscrivendoti alla newsletter.   ISCRIVITI ORA

Bambini

Alitosi nei bambini: cause e rimedi per i più piccoli

Tempo di lettura: 3 Min

L’alitosi nei bambini è un argomento di cui si parla poco. Questo disturbo è più comunemente associato agli adulti, quando l’alito cattivo può causare fastidi sia fisici che sociali.
In realtà anche i bambini soffrono di alitosi ma, non venendo percepita dai più piccoli come un disagio, viene spesso ignorata anche dai genitori. In realtà mamma e papà devono prestare molta attenzione a questo segnale, perché potrebbe essere la spia dello stato di salute del figlio.

Alitosi nei bambini cause

Quali possono essere le cause principali dell’alitosi nei bambini? Per prima cosa non bisogna allarmarsi, anche ai bambini può capitare di avere l’alito pesante semplicemente a causa di quello che hanno mangiato: un piatto un po’ più elaborato del solito o un cibo nuovo, può essere digerito con fatica dai più piccoli e causare qualche disturbo.

Esclusa la cucina, andiamo a vedere quali possono essere le cause più comuni di alito cattivo nei giovanissimi.

I problemi intestinali come stitichezza, gastroenterite e parassitosi, sono tra le prime cose che bisogna prendere in considerazione. L’eliminazione dei gas intestinali avviene tramite la respirazione, quindi la putrefazione del cibo all’interno dello stomaco o dell’intestino, può produrre gas o composti volatili dall’odore sgradevole. In questo caso non bisogna allarmarsi, per prima cosa è importante curare l’alimentazione del bambino aumentando le fibre e poi sentire il pediatra che può prescrivere eventualmente fermenti lattici o antiparassitari.

La dentizione è la causa della maggior parte dei fastidi del bambino. Oltre al dolore, che causa pianti incontrollati e nervosismo nei più piccoli, può essere anche la causa di un alito pesante. Se si riconosce che la causa dell’alitosi è la dentizione, bisogna solo portare pazienza, perché in questo caso il disturbo sarà transitorio e fisiologico.
Una causa un po' più seria dell’alitosi sono la tonsillite oppure le infezioni respiratorie. La proliferazione batterica, con conseguente accumulo di pus maleodorante nei crateri tonsillari, può far verificare l’emissione di alito cattivo. In questo caso il pediatra agirà prescrivendo la terapia antibiotica più adatta; con la guarigione scomparirà anche l’alito cattivo nel bambino.

Se si sospetta invece che l’alitosi possa essere causata da una carie, è necessario rivolgersi immediatamente al dentista. In questo caso però è probabile che il bambino manifesti anche altri sintomi, come insofferenza, dolore alla bocca e inappetenza.

Igiene orale non corretta e alito cattivo nei bambini

Una scarsa igiene orale è una delle prime cause di alitosi nei bambini. Con lo spuntare dei primi dentini è fondamentale curarne la salute, pulendoli inizialmente con morbidi spazzolini da dito o con una garza sterile e utilizzando solo acqua, per passare poi a spazzolini e dentifrici adatti all’età.

Si sa che i bambini crescendo sono spesso restii a lavarsi i denti, è importante quindi l’aiuto dei genitori per una pulizia accurata, coinvolgendoli magari con giochi o canzoni. Dai due anni si può iniziare ad usare un dentifricio al fluoro adatto all’età. Basta una quantità grande come un chicco di riso per pulire adeguatamente i denti.

Erroneamente si pensa spesso che non sia necessario curare con attenzione i denti da latte, visto che poi cadranno. Niente di più sbagliato. Una carie può far cadere un dentino troppo presto, lasciando un buco che potrebbe compromettere la formazione della dentatura definitiva, oltre ad essere, come già detto, una delle cause di alito cattivo nei bambini.

Utilizzare prodotti di qualità e adatti all’età, è inoltre fondamentale per la cura orale di più piccoli. I dentifrici da adulti o il collutorio destinato ai più grandi, non è indicato per la bocca delicata dei nostri figli.

Prevenire l’alito cattivo nei bambini

Come prevenire l’alitosi nei bambini? Escludendo le cause mediche come la gastrite o la tonsillite, prevenire l’alito cattivo nei bambini è possibile grazie a qualche piccola accortezza.

Per prima cosa è fondamentale curare la loro alimentazione che, come la nostra, deve limitare l’assunzione di zuccheri e grassi. Inoltre bisogna cercare di evitare i cibi troppo conditi o dalle preparazioni elaborate che possono essere difficili da digerire. Infine, fin dai primi mesi, è fondamentale curare l’igiene orale utilizzando dentifrici a base di fluoro adatti all’età.

Prodotti consigliati per: Bambini